Il siracusano Patti fischierà in Serie A2

A poco meno di mille chilometri da casa, Simone Patti si è fatto valere e l’anno prossimo arbitrerà in Serie A2. Il fischietto siracusano, arrivato alla decima stagione d’attività, è stato promosso nella seconda serie dopo due anni di B ed entra così nell’élite dei migliori siciliani, con la possibilità di dirigere le partite di Agrigento, Trapani o Barcellona fra pochi mesi, ma anche piazze storiche come Treviso, Reggio e Roma.

«Ho lasciato la Sicilia quattro anni fa – spiega lui, che era già allora tra i più promettenti arbitri di Serie C –, da due vivo a Montesilvano, vicino Pescara, dove lavoro dopo la laurea in Scienze motorie. Mi sento ancora con Manuel Attard (arbitro priolese di Serie A, ndr) e gli altri amici del Gap di Siracusa, a ogni festa ritorno. Gli istruttori mi hanno dato molto, ma è in Abruzzo che ho trovato una seconda famiglia».

È stata una stagione esaltante per Patti, che si è ritrovato in una Serie B molto competitiva. «Era il mio secondo anno – prosegue – ed è stato impegnativo, con molte partite d’alto livello. Basti pensare alla presenza di Fortitudo Bologna e Siena, piazze che hanno vinto scudetti. Stare lontano da casa non è traumatico, in Abruzzo ho trovato dei bravi colleghi, altri due sono stati promossi in A2 e c’è un buon affiatamento».

La B non ha l’impatto mediatico della massima serie, ma le dirette in streaming hanno permesso di vedere all’opera l’arbitro siracusano dall’inizio alla fine della stagione. «È stata lunga e divertente – ricorda – tra regular season, play-off e Final Four di Forlì. La più difficile e bella è stata la finale per l’A2 tra Siena e Agropoli; la più particolare per la carica emotiva Bologna-Lugo per la presenza dei 4.000 tifosi della Fossa, quando in B ci sono 800 spettatori di media».

Le aspettative per il prossimo campionato di Serie A2 sono tante. «Sarà di transizione – frena Simone – perché dovrò cambiare il modo di arbitrare, passando dal doppio al triplo arbitraggio. Già abbiamo fatto uno stage con la Nazionale U-20 per abituarci, ma appena assimilerò e passerà l’emozione iniziale, sarà bello dirigere giocatori di A, stranieri di qualità, vedere campi e squadre storici».

Si diceva in giro che è stata un’estate magra per gli arbitri siciliani, ma in realtà oltre a Patti anche Lanfranco Rubera (da Palermo, ma a Roma) è stato promosso in Serie B: fischietti d’esportazione ma sempre di marca buona.

da La Sicilia, p. 35

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...