SERIE A – LE NOVITÀ A CAPO D’ORLANDO IN ATTESA DI SASSARI DELL’EX SACCHETTI

È stato un periodo di sconvolgimenti a Capo d’Orlando, che lunedì aspetta l’arrivo di Sassari dell’ex Meo Sacchetti. L’Upea ha già messo alle spalle la cenerentola Caserta, e malgrado infortuni e sfortuna, sono arrivate due vittorie in sette partite. Le ultime novità sono state la rescissione consensuale con Jonny Flynn, che dopo appena due partite si era infortunato e ora è tornato in patria per problemi familiari, e l’arrivo di Sek Henry. Il play ex Brindisi è stato presentato ieri alla stampa dal gm Giuseppe Sindoni, anche se ha già esordito a Pesaro.

«E’ strano presentare un giocatore che ha già esordito – esordisce Sindoni – ma era importante farlo perché Sek lo merita. È un atleta completo, che possiede grande fisicità e può avere nelle nostre gare un impatto energico importante. Ha dimostrato negli anni in Polonia di avere grande forza mentale e di essere abituato a contesti in cui tra una vinta e una persa c’è molta differenza. Inseriamo un playmaker dopo tante gare, a Pesaro pur non conoscendo i compagni ha provato a darci una mano. Vorrei precisare una cosa – continua Sindoni – avendo perso momentaneamente Nicevic e Bianconi, abbiamo pensato anche all’ipotesi di integrare un lungo al roster. Ma le nostre valutazioni ci hanno portato a riflettere e a notare che non c’era convenienza nel farlo. Sandro e Corrado, infatti, potrebbero tornare in campo per la gara casalinga contro Cantù. Siamo stati sfortunati perché Bianconi ci avrebbe potuto dare una grossa mano – conclude il Direttore Sportivo dell’Orlandina – ma adesso dobbiamo concentrarci su Sassari».

L’esordio casalingo al PalaFantozzi avverrà per Henry nella sfida contro la corazzata Sassari, lunedì in posticipo. La palla a due è fissata per le 20:00 in punto.

«Sono un giocatore che può sfruttare dei mismatch in attacco dovuti alla mia altezza e al mio peso (193 cm per 91 kg) – esordisce il playmaker paladino – a cui piace difendere, creare gioco e far girare bene la squadra. Abbiamo ottime potenzialità, ho notato negli allenamenti in settimana che siamo pieni di tiratori, il mio ruolo sarà quello di metterli in ritmo nelle condizioni migliori. Sono pronto e concentrato per questa nuova avventura – conclude Henry – per vincere ci vuole voglia ed aggressività sul parquet, ma mi sento bene, sono motivato e lo dimostrerò».

I precedenti contro Sassari sono positivi: due vittorie su due partite nella stagione 2004-2005, quella del primo salto in A1 dei paladini: 98-78 in casa, 85-101 in trasferta, con un Brian Oliver capace di ottenere 43 punti di valutazione! «Contro Sassari – afferma il coach Giulio Griccioli – dobbiamo fare un’impresa, chiaramente non saremo ancora nelle migliori condizioni, ma abbiamo dimostrato che possiamo sopperire alle difficoltà e uscirne bene. Abbiamo di fronte una squadra molto forte che gioca l’Eurolega – sottolinea il coach dell’Upea – però ci stiamo allenando bene e siamo con un playmaker in più, che ci dà i tempi giusti. In settimana però ci siamo allenati intensamente, proveremo a fare uno scherzetto a Meo, che qui a Capo d’Orlando è di casa, ed è anche un mio amico, ma onestamente proverò a farlo scivolare al PalaFantozzi lunedì».

da RealBasket Sicilia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...