Il Cus Catania si scioglie nel finale

CUS Catania-Spadafora 60-82

CUS Catania 2003: Selmi, Strano 4, Elia 17, Santonocito 13, Bonaccorsi 8; Martello, Sgroi, Giarrusso 10, Leonardi 4, Chisari, Cuccia 2, Fichera 2. All.: Malagò.
Il Nuovo Avvenire Spadafora: Mobilia 2, Stuppia 23, Busco 23, Vento, Contaldo 20; Barbera 10, Colosi, Molino 4, Pollicino, Squadrito ne, Scibilia ne, Nomefermo ne. All.: Maganza.
Arbitri: Melizia e Panno.
Parziali: 23-20, 16-27, 19-20, 2-15.

I polsi di Rubens Malagò non tremano di fronte alla squadra che ha segnato 202 punti nelle prime due partite. Il Nuovo Avvenire scende al PalaCus con i suoi carrarmati ma non fa i conti con l’intensità degli etnei. La difesa a uomo è da subito soffocante, la formula funziona e il CUS va avanti con Santonocito ed Elia. Busco risponde ma sul 9-5 coach Maganza deve chiamare time-out. «Sapevamo che il CUS è una squadra tosta – spiega il coach spadaforese – abbiamo sofferto un bel po’».

I 60” non sortiscono però l’effetto sperato: con Strano si arriva all’11-5, Selmi ruba palla a Stuppia e serve il 14-7 di Elia, cinque punti di fila di capitan Santonocito e si è sull’incredibile 19-8. Intanto però la difesa a uomo carica di falli i cussini e manda in lunetta Stuppia. Il play-guardia gialloblù s’inventa due triple in avvio di secondo periodo che fruttano il pareggio e poi il sorpasso (25-26); non gli riesce un alley-oop con Contaldo, Leonardi riporta avanti i suoi fino al 29-25.

La svolta arriva con una tripla semi-ignorante di Marco Busco (31-32). Da quel momento c’è poco da fare: un miniparziale di 2-15 ribalta totalmente la situazione. L’uscita di Strano per il quarto fallo libera le voglie di Stuppia, quella per il terzo di Santonocito priva la squadra di un ottimo terminale e rimbalzista. Contaldo spadroneggia sotto il ferro, Busco segna con regolarità. L’ultima fiammata è di Manfredi Elia all’inizio del terzo parziale: due triple e un tiro da due fruttano il 47-51. Poi è un monologo del Nuovo Avvenire, che nell’ultimo periodo gestisce il vantaggio non facendo segnare i padroni di casa fino a 1’45” dalla fine con Cuccia.

«L’esperienza dei nostri – chiude Maganza – ha prevalso sulla loro fisicità e volontà, è stata una partita vera. Il nostro è un progetto per le giovanili: i cinque campioni fanno migliorare i nostri ’97».

da La Sicilia, p. 49

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...