L’Acireale demolisce la FP Sport

Acireale-FP Sport 84-43

Basket Acireale: Marzo 9, Dinicola 3, Arena, Maric 30, Lo Faro 11, Ferrara 2, Arcidiacono 12, Panebianco 3, Cusenza 12, Abramo 2. All.: Foti.

FP Sport Messina: Campi 14, Santoro, Bellomo, Buono 5, Squillaci 2, Cavalieri 13, Sabarese 2, Mirenda 1, Ponzù Donato 3, Perrone 3. All.: Paladina.

Arbitri: Ferraro e Giunta di Ragusa. Udc: Cosentino, Giugliuto, Quartarone.

Progressivo: 17-9, 38-16, 67-25.

 

È un Acireale che stupisce alla prima uscita casalinga, al Cus di Catania. L’avversaria, la matricola FP Sport, cede dopo 15 minuti di gioco assatanato: difese a uomo asfissianti, colpi che portano gli arbitri a fischiare ogni contatto e a spezzettare il gioco. Ma anche grandi giocate d’attacco dei padroni di casa, che riescono a sovvertire l’1-4 iniziale con la mobilità di Alberto Marzo e la solidità vicino al canestro di Riccardo Arcidiacono.

L’FP Sport schiera l’evanescente ex Gabriele Campi dall’inizio, ma paga i due falli immediati di capitan Claudio Cavalieri: così l’anima della squadra si spegne. Il sorpasso matura e poi si consolida con il 2+1 di Mirko Maric, che da quel momento è devastante: 6/7 da due, 5/11 da tre, quattro palle recuperate e due schiacciate condiscono la sua prova. I messinesi rimangono oltre sei minuti senza segnare e non riescono a superare la difesa acese predisposta da coach Peppe Foti.

La svolta della gara è a metà del secondo periodo. Prima Cavalieri commette un fallo e protesta platealmente: due fischi arbitrali e coach Francesco Paladina costretto a richiamarlo in panchina. Poi arriva l’espulsione di Marco Sabarese: il lungo messinese commette un antisportivo e si avvicina minaccioso agli arbitri, che lo mandano fuori.

Da quel momento, Acireale dilaga. Si giunge al +22, poi a poco valgono le iniziative del play Alessio Squillaci, perché il gioco si fa più scorrevole, ma Acireale continua a incrementare il vantaggio con entusiasmo e bravura (fino al +48). Si fa notare il duttile Kevin Cusenza, vicino a canestro meglio di Luigi Ferrara (limitato dai falli), Federico Lo Faro e Paolo Dinicola dialogano bene, c’è anche da festeggiare l’esordio in C del quindicenne Enrico Panebianco (con tripla celebrata dagli 80 spettatori; ora i compagni aspettano i pasticcini). Nel finale provano ad accorciare le distanze Campi e Cavalieri: Messina evita così di essere doppiata nel punteggio finale.

L’Acireale ha dunque confermato quanto di buono visto a Palermo, l’FP Sport dovrà risvegliare i suoi giovani ieri latitanti.

da La Sicilia, p. 51

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...