Orlandina, il colpo è Andrea Pecile. Barcellona al punto di non ritorno

Da un goriziano a un triestino, il playmaker dell’Orlandina in Serie A sarà sempre giuliano: il ds Sindoni ha scelto Andrea Pecile, che il ruolo di mente dei biancazzurri lo eredita idealmente dal conterraneo Gianmarco Pozzecco, ultimo play paladino in A. 34 anni, l’oro dei Giochi del Mediterraneo 2005 al collo e oltre 500 punti in Nazionale, Pecile giocò la prima esperienza da titolare a Ragusa 14 anni fa, per poi girovagare Italia (Pesaro e Siena le esperienze principali) e Spagna. Scelto lo stile della maglia con una consultazione online, la formazione nebroidea attende di completare il roster con le firme di Nicevic e Soragna, più tre stranieri (un play, un’ala piccola e un pivot). Sarà una formazione di grande esperienza per puntare alla salvezza.

Non si ride a pochi chilometri di distanza: in A2 Gold, i tifosi di Barcellona sono in attesa del disimpegno definitivo di Immacolato Bonina (e quindi della chiusura della società), della decisione di affrontare un campionato con un budget massimo di 350 mila € (come dichiarato dal vicepresidente Fedele Genovese a Messina Sportiva) o dell’arrivo di altri capitali e la prosecuzione dell’attività come prima (finora la via meno probabile). Agrigento ha chiuso il roster sabato, mentre Trapani ha annunciato Franz Conti (ala-pivot bresciana, scuola Varese, con una lunga esperienza in terza serie) e aperto la campagna abbonamenti.

In Serie B, l’Aquila Palermo ha finito la campagna acquisti: le perle sono l’ala Nelson Rizzitiello (ex Trapani) e il pivot Riccardo Antonelli (ex Scafati).

Completata la definizione delle panchine della Serie C, si va avanti con i roster. San Filippo del Mela ha rilevato il play Simone Carpinteri da Siracusa, i centri Maurizio Errico da Napoli e Angelo Luzza da Reggio Calabria; ha confermato inoltre il play Colica. Patti ha inchiostrato il lungo Lumia, ex Mazara. Cefalù è vicina al pivot Dieye e alla guardia Tredici. La Green Palermo ha completato un quintetto di spessore con l’asse play-pivot Tindaro Gullo (ex Mazara) e Filippo Tagliabue (ex Aquila). Palermo e Siracusa sono le uniche ad aver chiuso il mercato.

La C2 inizierà dopo il 19 ottobre. La costruzione delle squadre va però sempre a rilento. Santa Croce Camerina affiderà le chiavi del quintetto a Giovanni Occhipinti, che coach Giancarlo Di Stefano riabbraccia dopo un triennio a Gela; confermata in blocco la squadra dello scorso anno, saranno inseriti i ’99, tra cui Paolo Di Stefano. Spadafora ha confermato i pilastri Busco, Contaldo, Vento e Stuppia, più preso Colosi.

In Serie D, Mascalucia ha chiuso il roster con la conferma di Gissara e il ritorno di Scerra.

Nella femminile, nuovo riconoscimento per Costanza Verona (Palermo) ed Elena Vella (ex Priolo), che tornano in Nazionale Under-15 per il Trofeo dell’Amicizia, dal 22 al 24 agosto a Saragozza.

da La Sicilia, p. 36

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...