Make-a-Wish, “il genio della lampada” accanto ai bambini meno fortunati

PALERMO – Cade una cometa, si soffiano le candeline a un compleanno, si scrive una lettera a Babbo Natale: ci sono mille modi in cui un bambino può esprimere un desiderio e, finché possibile, i genitori si prodigano per realizzarlo. Un piccolo malato, però, non ha le stesse possibilità di uno sano e i genitori, spesso, non possono realizzare nemmeno quelli più semplici. Eppure, anche per il 2014, una onlus tenterà di fare da genio della lampada per i più sfortunati.

Il progetto di Make-a-Wish nasce nel 2004, due anni dopo la morte di Carlotta Frontani. Fino ai dieci anni, la piccola ha vissuto molto in ospedale, anche in isolamento, e cercava come poteva di interagire con gli altri bimbi in corsia, mandando dei piccoli regali a seconda dei loro desideri. I genitori di Carlotta hanno così cercato di proseguire questa tradizione, ricevendo e realizzando 895 richieste da chi non poteva riuscirci.

Per fare ciò, uno “sponsor” adotta un desiderio e contribuisce a portarlo a compimento. Così è stato per Tommaso (5 anni), che è stato cowboy per un giorno in una struttura che ricrea il far west, e per Antonio (9 anni), riscopertosi batterista rock di grande talento. Ma anche per Giulia (18), Alyssa (15) e Marco (12), che hanno chiesto qualcosa in più: andare oltre oceano e vedere l’America.

Uno degli ultimi desideri adottati da uno sponsor è stato quello di Matteo (18 anni), che ha preso un aereo per visitare New York e vedere all’opera la franchigia dei Knicks, che gioca nel campionato di basket più bello del mondo: l’NBA. “Non potevo non chiedere – ha scritto Matteo – di assistere ad una partita dei New York Knicks, mia squadra preferita da sempre, e di conoscere personalmente i giocatori e, ovviamente Carmelo Anthony! Non avrei mai potuto immaginare un’accoglienza del genere e tanto affetto da parte di tutti!”. Tanti altri, questo Natale, potranno continuare a sognare…

dal Quotidiano di Sicilia, p. 24

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...