Biocarburanti da alghe e rifiuti in discussione al Parlamento UE

STRASBURGO (Francia) — Si terrà oggi la discussione sui biocarburanti di “seconda generazione” al Parlamento europeo. Per quanto sia importante cercare di sostituire le fonti di energia non rinnovabili, sta prendendo piede l’utilizzo di terreni per la coltivazione di biocarburanti che, paradossalmente, potrebbero aumentare le emissioni di gas serra e, quindi, annullare tutti i benefici, oltre a sottrarre terreni alla coltivazione di prodotti alimentari. È per questo che l’Ue sta portando avanti un nuovo testo legislativo che punta a limitare questa “prima generazione” di combustibili e stimolare l’utilizzo di alghe e alcuni tipi di rifiuti per produrne di innovativi.
Entro il 2020, segnala l’eurodeputata francese Corinne Lepage (Alde), la quota dei biocarburanti “tradizionali” prodotti a partire da colture non dovrebbe superare il 5,5 per cento dell’energia utilizzata nei trasporti, mentre i biocarburanti “innovativi” dovrebbero contribuire almeno per il 2 per cento. Mercoledì, durante la votazione, si deciderà se introdurre il tetto massimo del 6,5 per cento per l’utilizzazione dei biocarburanti.

dal Quotidiano di Sicilia, p. 4

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...