Vandali a scuola Chieste più tutele

PALERMO – Le scuole spesso sono l’unico simbolo dello Stato in zone periferiche e dimenticate dalle istituzioni, eppure non riescono ad essere “difese” a dovere e non possono quindi svolgere il loro compito al meglio. Ieri, l’istituto comprensivo Crispi-Cocchiara-Veneto, del quartiere Cep a Palermo, ha subito il secondo atto vandalico dell’estate. Il laboratorio di scienze, da poco inaugurato, è stato distrutto, sono stati trafugati una stampante e un video proiettore e i muri sono stati imbrattati. “Si tratta di scuole – ha affermato Fabrizio Ferrandelli, deputato regionale del Pd – che a Palermo e in tante zone della Sicilia rappresentano l’unico presidio dello Stato. Dobbiamo difendere i bambini e non abbandonare gli insegnanti. Al Governo regionale chiedo di approvare subito una legge regionale per tutte le scuole siciliane che operano nei quartieri ‘a rischio’. Una normativa che assegni più fondi per renderle sicure, che assegni loro risorse umane aggiuntive, che preveda premialità per i dirigenti, e istituisca il tempo pieno”.

dal Quotidiano di Sicilia, p. 21

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...