Il Personaggio – Stelios Papadakis, dominio greco

Porto Empedocle (Ag), 28 mag. – Stelios Papadakis è senza dubbio l’mvp del campionato di Serie C regionale. L’ala originaria di Atene ha bersagliato gli avversari: in regular season ha realizzato 12 ventelli, 7 trentelli e una media punti che infrange i record degli ultimi tre anni. E non è stata solo un’annata strepitosa dal punto di vista personale, ma anche da quello della squadra, con la vittoria in due gare contro Mazara e la promozione del Basket Empedocle in DNC, categoria da cui mancava dal 2008-’09.

Il giocatore, che in patria ha disputato due stagioni di Serie A2, è ancora in Sicilia e parla ormai un italiano perfetto, malgrado abbia iniziato a impararlo solo due anni fa, al suo arrivo nellaTarros Spezia che ha condotto in quinta serie. L’estate scorsa è arrivata la chiamata dalla formazione granata, giunta alla quarta stagione in C regionale e in cerca di rilancio.

«Ho parlato con la società nello scorso agosto – spiega a RealBasket Sicilia –, volevano due giocatori stranieri e hanno scelto me e Federico Mallon. Sono arrivato e ho trovato una squadra molto organizzata, un presidente serio, che ama questa squadra. L’obiettivo era di vincere, abbiamo iniziato a testa bassa e poco a poco abbiamo visto che potevamo fare bene! Dopo la vittoria all’ultima giornata della regular season controRagusa, abbiamo capito che avevamo il potenziale per vincere il campionato. Per noi è stato un anno di molto lavoro e tanta serenità».

Quali differenze hai visto con la C2 ligure dello scorso anno?

«Il campionato ligure era un girone di 12 squadre. In Sicilia ce ne sono due con 12 squadre, più stranieri e buoni giocatori. Il livello è un po’ più alto rispetto all’anno scorso».

Quali sono state le squadre e gli avversari più forti che hai incontrato?

«Le squadre più forti erano Mazara, che è arrivata in finale. Anche Palermo, Ragusa e Cefalù avevano buone squadre con buon giocatori. Ragusa schierava i fratelli Sorrentino, ottimi giocatori».

Tra quelle che hai nominato, Ragusa è l’unica che schierava solo elementi locali. Cosa pensi della formazione di Di Gregorio?

«Come ho detto, i fratelli Sorrentino sono di altra categoria. Ho visto un bel gruppo, un buon allenatore e una buona squadra, ma mancavano uno o due elementi per fare un passo in più».

Perché hai scelto di venire in Italia?

«In Grecia giocavo in B nazionale, ma poi anche per noi cestisti la vita è diventata difficile. Volevo provare un’altra esperienza, qualcosa di nuovo e ho trovato quest’opportunità».

La carriera di Stylianos Papadakis

Ala piccola, nato a Atene il 1° marzo 1985

Stagioni Squadra

Serie

2004-‘05

Dafni Atene (promosso)

B naz.

2005-‘07

Milōn Atene

A2

2007-‘08

Ionikos Nikaias Atene

C naz.

2008-‘10

Milōn Atene

C naz.

2010-‘11

Aigaleo Atene

B naz.

2011-‘12

Spezia Basket Club (prom.)

C reg.

2012-‘13

Basket Empedocle (prom.)

C reg.

La Grecia è rinomata per la passione per il basket. Come hai visto il tifo siciliano?

«I siciliani sono persone calde e hanno una mentalità come in Grecia. Il nostro tifo, quello dell’Empedocle, nelle ultime gare ha aiutato tantissimo la squadra, il gruppo di ragazzi ci ha dato una grande mano. Abbiamo vinto due volte: sul campo il campionato e abbiamo fatto avvicinare tante persone alla società».

Hai vinto la classifica marcatori con ampio margine.

«I punti che faccio li segno perché i miei compagni di squadra mi mettono nella situazione di segnare, senza il loro ausilio non avrei potuto fare tanto!»

I migliori marcatori del Girone B di C2

Stagione Nome

PR

PT

ME

2010-‘11

E. Famà (Paternò)

25

455

18,20

2011-‘12

J.C. Rivero (Cus Me)

21

440

20,95

2012-‘13

S. Papadakis (Empedocle)

22

575

26,14

Non potrai giocare l’anno prossimo con la squadra perché le regole non lo permettono. Sai già quale sarà il tuo futuro?

«Ancora no perché alcuni campionati non sono finiti. Certo, capisco la federazione consideri i campionati della LNP per far crescere i giocatori, ma secondo me sarebbe giusto che se uno straniero vince un campionato possa avere l’opportunità di continuare a giocare l’anno seguente in DNC. Per noi la vita è difficile, dobbiamo sempre cercare una nuova squadra, e non è facile trovare una squadra seria e che paghi i suoi giocatoriCapisco che solo la Serie A e la Legadue sono professionistiche, ma perché la C2 è regionale e fanno giocare i professionisti?»

Papadakis si accomiata con grande riconoscenza verso l’ambiente che lo ha accolto: «Volevo ringraziare la società di Porto Empedocle per l’opportunità: il presidente Angelo Iacono, il dirigente Gerlando Cardella, gli allenatori Giovanni Fillari e Peppone Ferlisi e tutti i compagni di squadra. ho vissuto una buona esperienza, eravamo più un gruppo che una squadra, eravamo una famiglia e mi ha fatto molto piacere!» Efharisto, Stelios!

da RealBasket Sicilia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...