Le grandi firme dell’Alfa conquistano la D

Catania, 29 apr. – Non è bastata all’Alfa Catania la vittoria del girone etneo-nisseno di Promozione. I ragazzi guidati da Davide Di Masi hanno dovuto affrontare anche una finale zonale contro la titolata Savio Ragusa, che l’anno scorso puntava alla promozione in C2 e quest’anno è ripartita dal campionato provinciale. Sabato scorso la partita disputata sul neutro di Melilli si è conclusa 62-48 (topscorer Pennisi con 18 punti) e ha quindi sancito la promozione degli etnei in Serie D.

È brevissima la storia della società fondata da Nico Torrisi (l’imprenditore deux ex machina del Basket Acireale di DNC), che ha disputato per un paio di stagioni solo il settore giovanile e da quest’anno ha deciso di presentare una squadra anche in Promozione. Affidata a Davide Di Masi (l’ex longeva ala che ha chiuso la carriera con un biennio in B dil. alla Pall. Catania), la squadra schierava un roster da Serie C2: oltre allo stesso coach, i play Davide Cavazza e Andrea Saccà (infortunatosi durante la stagione), le guardie Alberto Pennisi e Nico Cavallari, i lunghi Francesco Marino e Nino Valenti. Tutti giocatori già visti a lungo nella massima serie regionale, affiancati da Giulio Gambino, Federico Guastella, Giorgio Belluomo, Manfredi Camalleri, Mario Litrico e Roberto Giarlotta.

«Siamo soddisfatti per il risultato raggiunto a Melilli – ha dichiarato al “Giornale di Sicilia” il direttore sportivo Carmelo Carbone, uno dei protagonisti abituati ad altri palcoscenici – Il nostro progetto è quello di far crescere i giovani e dare agli elementi più promettenti, che non trovano spazio nell’Acireale Basket e nel Cus Catania, la possibilità di disputare un campionato senior con la nostra compagine». Un obiettivo che si rifletterà anche nella prossima stagione, con maggiori stimoli e avversari di spessore.

«È stato un campionato tutto sommato modesto – ha spiegato invece Di Masi a “La Sicilia” – ma alcune eccezioni tipo Caltanissetta e Giarre, che contavano nei loro rispettivi roster giocatori di livello, mi hanno fatto una buona impressione. L’esperienza su tutte è stata la nostra arma in più. La voglia di vincere dei ragazzi poi ha fatto il resto. Nonostante l’ultimo mese pieno di infortuni e difficoltà abbiamo reagito bene». Proprio nel girone di ritorno e contro i nisseni della Nova Robur e i giarresi del Centro TT sono arrivate le due sconfitte stagionali, a fronte di 14 vittorie: un cammino ineccepibile che ha lasciato alle spalle anche i campioni in carica della categoria, Regalbuto.

La finale zonale, novità di quest’anno dopo l’era delle promozioni dirette, è stata arbitrata da un fischietto d’eccezione, Sebastiano Tarascio, che è nelle liste dalla DNB, insieme a Martina Cavaliere.

da RealBasket Sicilia e Basket Catanese

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...