Paternò: 100 mila euro al calcio, briciole al basket

«Ringrazia di cuore, i fantastici imprenditori paternesi, che con la voglia di riportare il “grande” calcio a Paternò hanno pensato bene di comprare il titolo dall’Adrano calcio alla modica cifra di 100 mila euro circa… questo si che è fare sport. mah». Con queste parole, il play del B.C. Paternò Tommaso Rao commentava su facebook la notizia di un premio fin troppo grande per il calcio. Che nella città etnea, negli ultimi anni, ha regalato solo delusioni: un vivaio che negli anni passati è stato florido (c’è passato anche Fabio Sciacca), ma che dopo i fasti della C1 non ha trovato una prima squadra in grado di disputare campionati più che dignitosi.

L’esultanza della squadra dopo la vittoria contro Canicattì nell’ultima giornata (basketclubpaterno.it)

Discorso diverso per il Basket Club, ripartito dalla Promozione anni fa e arrivato poco a poco (con due ripescaggi in mezzo) fino alla Divisione Nazionale C, traguardo mai visto prima. I biancorossi hanno disputato un campionato sopra le righe, malgrado in molti dessero la squadra per spacciata e anche l’allenatore Mike Del Vecchio azzardò la speranza di «una salvezza da ottenere anche all’ultimo secondo dell’ultima giornata». La permanenza è stata centrata all’ultima giornata, ma comunque dopo aver tagliato dei traguardi come le vittorie nei derby contro Acireale e Gravina (andata e ritorno). E il pubblico è ora considerato tra quelli più caldi del girone e il settore giovanile conta su un’Under-17 campione d’élite provinciale.

Eppure, dopo la fine del campionato non si è trovato chi credesse nel progetto cestistico di quella che al momento è la seconda squadra della provincia: gli imprenditori hanno preferito tuffarsi ancora nel calcio. E così è arrivata un’intempestiva rinuncia, poi corretta dall’iscrizione all’ultimo giorno, sub judice però proprio per la richiesta di lasciare la categoria. Malgrado l’errore di valutazione della dirigenza, c’è poco da rimproverare: privi di certezze e di un roster all’altezza, sarebbe stato un’inutile spreco di fondi affrontare il campionato. Se lo sponsor Qè rimarrà e magari verrà affiancato da altri, il progetto potrà avere continuità, anche se con l’incognita del lungo periodo. Altrimenti, un’altra cometa è pronta a scomparire all’orizzonte.

da Tiri liberi @ Ctzen

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...