Approderà al consiglio provinciale il dibattito sui collegamenti

MESSINA – Dopo l’annuncio dei tagli regionali per 15 milioni di euro nei trasporti integrativi alle isole minori e l’appello del sindaco di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo, arriva anche in Provincia il dibattito sui collegamenti da e per le isole Eolie. La situazione dell’arcipelago, il maggiormente danneggiato dai tagli soprattutto sotto il profilo turistico, potrebbe diventare insostenibile se davvero non ci saranno sviluppi e così, in una nota inviata al presidente della Provincia, Nanni Ricevuto, e al presidente del Consiglio provinciale, Salvatore Fiore, il consigliere Francesco Andaloro (Prc) ha richiesto l’inserimento del dibattito sui trasporti marittimi integrativi estivi nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio provinciale.

Il problema è spinoso in considerazione dell’imminente inizio della stagione estiva. Le isole Eolie, infatti, vivono quasi esclusivamente degli arrivi nella bella stagione e l’insufficienza dei collegamenti potrebbe far crollare ulteriormente un settore economico che risente già pesantemente della crisi economica generale.

“Disattivare questi servizi – ha elencato Andaloro – comporterebbe una perdita di lavoro per i tanti lavoratori impegnati nel settore e inoltre servizio indispensabile e vitale per il collegamento con le isole; le isole non sono ben servite e collegate con gli aeroporti di Reggio Calabria, Catania e Palermo; la metromare a Messina non si è sviluppata per consentire collegamenti con le isole Eolie da Taormina, Messina e Reggio Calabria”. Il consigliere chiede quindi al consesso provinciale di sensibilizzare il Governo e la Regione a potenziare i collegamenti e di creare le condizioni perché si promuova lo sviluppo occupazionale.

La richiesta segue di pochi giorni la lettera inviata dal sindaco riconfermato del Comune di Santa Marina Salina e coordinatore Ancim Sicilia, Massimo Lo Schiavo, all’assessore regionale delle Infrastrutture e mobilità, Pier Carmelo Russo. L’invito era quello di utilizzare tutte le somme stanziate con l’ultima finanziaria regionale, ma anche di far fronte all’esigenza di trovarne altre: non basteranno, infatti, a coprire i costi sostenuti per tutto il 2012. “Si chiede – ha scritto Lo Schiavo – di volersi attivare nelle sedi opportune e con gli appositi strumenti, al fine di evitare che le isole minori rimangano isolate e che le Comunità che le vivono possano avere garantita la continuità territoriale prevista per Legge”.

dal Quotidiano di Sicilia, p. 20

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...