Scordia-Valverde 62-49

Il campionato si chiude qui, Scordia verso la D… Una partita dura… Valverde avanti giocando con interni ed esterni… Scordia cambia la partita con Costanzo… Falli e tecnici…

Scordia-Valverde 62-49
Scuola Amari di Scordia, 4 marzo, 20:30

Sport Club Scordia: Millesoli ne, Formica © 15, Alba 5, Burtone ne, Cannizzo ne, Giurlando, Costanzo 23, Pagano 5, Cavalli 7, Messina ne, D’Avola 7.
Basket Club Valverde: Annino © 14, Di Prima ne, Saporito 2, Costa 4, D’Arrigo 4, Re 5, A. Messina 4, R. Messina 3, Indelicato 6, Brischetto, Leotta 7, Giuffrida ne. All.: Corallo.
Arbitri: Catania di Catania e Mostile di Scordia.
Parziali: 7-10, 16-16, 17-9, 22-14.

Il campionato si chiude qui. È appena la prima giornata di ritorno, ma Scordia ha già chiuso il discorso per la vetta. Checché ne dica la classifica ufficiale, i gialloblù sono in testa alla Promozione con otto vittorie e nessuna sconfitta, contro i record di 5-2 dell’Elephant e 4-3 di Fides e Valverde. Per ribaltare la situazione, le avversarie dovrebbero vincerle tutte e sperare in tre sconfitte della capolista. Su 7 partite utili nel girone di ritorno e con la vittoria già alla prima su una rivale diretta, quest’ipotesi è fantabasket.

Onore ai vincitori, quindi. Scordia, squadra fisica e coriacea, non ha comunque avuto vita facile. Nel primo tempo, Valverde prende il largo e controlla il vantaggio. Inizialmente funziona bene il dialogo tra gli esterni e gli interni, che vincono una difesa spigolosa e asfissiante. Già da subito, però, gli arbitri zittiscono le lamentele degli ospiti con due tecnici, al coach e a Indelicato. Scordia ha qualche problema che risolve nel secondo periodo, quando entrano in ritmo partita Formica e Costanzo. A loro, però, rispondono Annino e Re, mentre la difesa tiene.

Nel secondo tempo, il copione cambia. Gli interni valverdesi non riescono più a minacciare il canestro, affidandosi troppo alle iniziative degli esterni che si infrangono sull’anello o non arrivano al tiro. Inizia, dall’altra parte, il Seby Costanzo show: la guardia segna tre triple consecutive che ammazzano la gara e ribaltano il risultato; i compagni intanto tagliano bene la zona e si ritrovano spesso sotto canestro. La difesa forte scordiense continua ad infastidire gli ospiti, che si innervosiscono.

E il quarto periodo comincia nel segno dei falli (di Valverde) e del gioco duro (di Scordia). Il punteggio aumenta soprattutto dalla lunetta, ma la squadra di Corallo giunge fino al -4, sul 50-46. Manca poco, ma il sorpasso è possibile. Azione successiva: gioco da tre punti dell’ultimo arrivato D’Avola, 53-46, ed è finita. Escono intanto Re e Annino per falli, Leotta viene espulso. Le lamentele degli ospiti nei confronti degli arbitri si spengono, l’ultima azione di una partita avvincente e condita da troppo agonismo si chiude con Saro Messina che lascia la palla e tende la mano agli avversari. Sipario sul campionato, Scordia si avvia verso il ritorno in D.

Roberto Quartarone

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...