«Il calcio? È solo uno sport…»

&… Sport La storia di Gianni Prevosti e dello Scudetto del Catania di Calcio Femminile.

Nel 1976, Angelo Cutispoti iniziò un’avventura senza precedenti: creò una squadra di calcio femminile a Catania, la Jolly Componibili Catania. Il primo tassello fu la scelta dell’allenatore: il presidente contattò Gianni Prevosti, che per vent’anni aveva girato la Sicilia guidando molte squadre dilettantistiche. «Naturalmente cominciammo dal gradino più basso -inizia l’ex allenatore bresciano-, dalla Serie C, che era a livello regionale. Vincemmo subito il campionato e tutto ci andò benissimo, anche se in squadra non avevamo grandi giocatrici. In Serie B ci rinforzammo con delle ragazze dalla buona tecnica individuale e con un buon tocco del pallone. Il campionato era molto impegnativo, infatti erano state inserite nel nostro girone anche squadre romane e napoletane. Anche quell’anno conquistammo il primo posto, passando in Serie A, malgrado tra gli avversari ci fossero molte ragazze che giocavano bene e promettevano. Le migliori, comunque, le portammo con noi nella massima serie. Inoltre comprammo un’attaccante scozzese, Rose Reilly, che era veramente brava e dava delle legnate tremende. Per portare tutte queste giocatrici a Catania il presidente sborsò molti soldi, ma grazie a ciò giocammo a Milano, Verona e Torino, ottenendo sempre dei buoni risultati. Alla fine, vincemmo anche lo scudetto: non ce lo aspettavamo! Ci siamo meravigliati di trovare una resistenza così poco consistente: ogni avversaria aveva massimo 4 giocatrici con una tecnica decente, mentre invece la nostra squadra aveva solo ottimi elementi, tutti scelti e sui cui si poteva contare. Dopo lo scudetto, ho dovuto lasciare la squadra per tornare a dedicarmi al calcio maschile.»

Ma chi è Gianni Prevosti? Ex ala ambidestra del Catania (dal 1947 al 1950 collezionò 65 presenze e 15 reti), nato a Brescia il 10 febbraio 1922, iniziò la carriera da allenatore con il Paternò nel 1956, fu vice di Luigi Valsecchi nel Catania 1965-66 e allenò anche la Massiminiana, il Belpasso, il Santa Venerina, la Nissa. «Il calcio per me è sempre stato solo un divertimento, uno sport, un gioco -continua-. Quando giocavo non mi tiravo mai indietro, anche se non amavo prendermi grosse responsabilità… Mi chiamavano il Motorino. Giocai fino 43 anni, i dirigenti mi volevano sempre in campo: durante la mia ultima partita, Adrano-Paternò, segnai 3 reti. Oggi guardo solo il calcio in tv, anche perché l’ultima volta che sono andato allo stadio rischiai grosso solo per aver applaudito alla rete di un avversario…»

da Corridoio WebMagazine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...